Entra Registrati

Libertà, 2 Gennaio 2009

Agli Amici dell'Arte una mostra il cui ricavato sarà interamente devoluto all'Unicef

Franchi, esplosioni di luci

Frammenti di cristalli e vetro in collages materici

PIACENZA - Esplosioni di luci, caleidoscopici frammenti di ghiaccio eterno da appendere alle pareti. Sono le opere di Franca Franchi, artista piacentina che ha in corso una mostra personale nella sede degli Amici dell'Arte.

Frammenti e cristalli di vetro si uniscono in collages materici ricchi e delicati, in piccole forme di armoniosa bellezza. «Il mio obiettivo è stato quello di ridare una forma agli scarti - ha spiegato l'artista in occasione dell'inaugurazione della mostra, presentata da Giorgio Federici e Luigi Galli, rispettivamente presidente e vice degli Amici dell'Arte - dopo le suggestioni offerte dai cristalli d'acqua immortalati dallo studioso giapponese Masaru Emoto».

Da qui nasce dunque l'ispirazione della Franchi, avvocato per professione ma artista nell'anima: la filosofìa del Sol Levante ha pervaso i suoi primi lavori, per portarla poi verso orizzonti più ampi ed originali.

Si manifesta così una fantasia ricca e vivace, un ingegno acuto e in grado di trasmettere un senso profondo di serenità: le sue opere sono un trionfo di frammenti luminosissimi, soli di vetro e cristalli armonicamente disposti.

«La ricerca dell'armonia e della poesia è la strada che ogni pittore dovrebbe percorrere - ha spiegato Galli - e Franca Franchi lo ha fatto. E' partita dagli studi giapponesi secondo cui l'acqua si cristallizza in modo artistico, conservando la suggestione delle parole ascoltate e ha poi saputo svilupparli in modo personale in opere che riverberano armonia».

Ed è vero: quelle dell'artista sono realizzazioni che racchiudono il sorriso, rivelano progressivamente un mistero arcano e delizioso, ma soprattutto sono lavori che fanno bene. Lo fanno davvero, perché l'intero ricavato della vendita delle opere è stato devoluto all'Unicef per contribuire al mantenimento dei centri di accoglienza Unicef targati Piacenza in Congo: quello di Kinshasa per bambine di strada e quello a Kingandu per il recupero di ex bambini soldato.

Non poteva dunque mancare all'inaugurazione (che ha visto anche la presenza dell'assessore provinciale Paola Gazzolo e del questore Michele Rosato) il presidente di Unicef Piacenza Giovanni Cuminetti, che ha evidenziato «la capacità istintiva di Franca Franchi nel trasmettere un profondo senso di positività ed armonia attraverso le sue composizioni». Certo sono semplici vetri, frammenti di specchi, materiali poveri e di scarto che presentano tuttavia una notevole attinenza con il ghiaccio e che soprattutto sanno illuminarsi grazie ad una fantasia delicata e sensibile: creazioni che denotano una perfezione compositiva precisa e nitida, ma che danno anche voce ad un'importante volontà di fare il bene del prossimo.

I miei cristalli Personale di Franca Franchi all'associazione Amici dell'Arte,via S.Siro 13,Piacenza, fino al 10 gennaio. Orari:festivi 10-12 e 16.30-19.30;feriali 16.30-19.30.

 

Autore: Betty Paraboschi

Fonte: Libertà, 2 Gennaio 2009